26/12/2019     CANARIE & IMMOBILIARE > AFFITTI: gli addetti ai lavori, le parti sociali e la politica concordi nel lanciare l’allarme sulla mancanza di alloggi pubblici

immobiliare canarie, agenzia immobiliare canarie, immobiliare isole canarie, rete immobiliare isole canarie, canarie immobiliare, mercato immobiliare canarie, investimento immobiliare canarie

Gli addetti ai lavori (costruttori ed albergatori), le parti sociali e la politica concordi nel lanciare l’allarme sulla mancanza di alloggi pubblici; gli immobili convertiti in case vacanze e la burocrazia minaccia di "strangolare" l'attività economica nella Regione.

Il rilento con cui si costruiscono alloggi pubblici, l'impatto sul mercato degli affitti ad uso vacanze e la lentezza della burocrazia per la concessione di licenze agli investitori privati ​​sono i tre fattori più determinanti che spiegano che i prezzi degli affitti sono ora alti nelle zone a maggior vocazione turistica delle isole canarie. Questa è la principale conclusione di costruttori, albergatori, sindacati e giunte Comunali che hanno veicolato i loro timori tramite gli organismi di stampa.

Effettivamente, risiedere NON a scopo turistico in una abitazione
nelle zone vicino alla costa è oggi una missione praticamente impossibile. La carenza di offerta per questa tipologia di locazione costringe i nuclei familiari a cercare un tetto a un costo entroterra; il che coincide, spesso, con  una certa lontananza dal luogo in cui lavorano.
Per questo, come detto, gli addetti ai lavori, le associazioni di categoria e parte della politica, si stanno attivando affinché’ il Governo delle Canarie affinché’ intervenga, delinei delle iniziative utili a superare lo stallo intervenendo in particolar modo in quei comuni che in questi ultimi 10 anni da una parte non hanno appoggiato e sviluppato una politica per gli alloggi pubblici e case popolari e dall’altra si sono dimostrati molto lenti nel rilasciare concessioni edilizie per fini residenziali a quegli operatori che (vista la grande richiesta) intendevano operare in questo specifico segmento di mercato (ritenuto anche da noi molto interessante).
Dall’altro lato le Associazioni degli Albergatori identifica come origine di questo disagio sociale il fiorire del mercato delle case vacanze (Vivienda Vacacional) e calcola che circa il 50% degli appartamenti ed abitazioni vicine alla costa (che a loro volta rappresentano circa la metà degli immobili costruiti) non sono più adibite ad uso residenziale ed hanno generato sfratti non tanto per inadempienza degli occupanti quanto per diverso utilizzo dell’immobile ; questo aspetto “allontana” anche le opportunità in contesto comodo anche per gli stessi lavoratori del turismo per cui anche alcune figure professionali qualificate iniziano a scarseggiare dato che il costo di trasferta (che inoltre causa dei frequenti ingorghi, incidenti e genera una scarsa sostenibilità ambientale) e/o di alloggio incide troppo sul bilancio familiare.

La soluzione proposta da più parti, ora anche da alcune amministrazioni Comunali, è che il Governo delle Canarie si prenda carico di costruire più alloggi pubblici segnalando il deficit delle case popolari nell’arcipelago e confidano che l'attuale Presidente affronti il ​​problema con un fermo impegno.

Fabio Chinellato

Amministratore Unico de "InfoCanarie"

InfoCanarie Promotion and Consulting www.infocanarie.com 

 

 

SE INTERESSATO A CONOSCERE DI PIU’ SULL’AREA IMMOBILIARE DI INFOCANARIE VEDI WWW.INFOCANARIE.COM/IMMOBILIARE

>>> VAI ALL'INDICE DI RIEPILOGO DI TUTTE LE NOTIZIE E I FOCUS <<<

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all' uso dei cookie.