Puerto de la Cruz

puertodelacruz puerto-cruz-casa-aduana 

Vista panoramica e Casa de la Duana - Foto concesse dal Patronato del Turismo

Puerto de La Cruz si trova nel Nord di Tenerife, nella valle di Orotava e alle pendici del Teide, si raggiunge facilmente dall’aeroporto del Nord e tramite gli svincoli dell’Autopista che la collegano Santa Cruz de Tenerife e le altre varie Cittadine vicine, come, sempre tramite Autopista, dal Sud.

Già influente porto dal XVI secolo, la città di Puerto de la Cruz conobbe il suo più grande sviluppo nel corso del Seicento diventando un' importante base mercantile.

Puerto de la Cruz si presenta con due facce: una molto turistica a far fronte alla richiesta del turismo di massa, l' altra, la più antica, facilmente identificabile nel centro storico molto ben conservato.

La Cittadina ha iniziato a conoscere il proprio sviluppo grazie alla frequentazione di ricchi e benestanti provenienti dal freddo nord Europa; ancor oggi Puerto de La Cruz si differenzia dalle altre località turistiche di Tenerife per le frequentazioni più "selezionate"; la presenza di negozi, ristoranti ed Alberghi di lusso lo confermano.

I punti di forza e di attrazione di Puerto de la Cruz sono inoltre la presenza di alcuni eccezionali luoghi di svago, spiagge e lungomare suggestivi e aree pedonali che permettono di apprezzare maggiormente le particolarità del luogo.

puertodelacruz-tenerife

Dalla Plaza de El Charco si diramano infatti moltevie pedonali lungo le quali si possono ammirare le caratteristiche case dell’architettura Tinerfeña, come la Casa de la Aduana, la Casa Miranda, evidenziamo la zona de “Las Lonjas” (dei mercati); in merito ai luoghi di culto, si segnalano la Chiesa de la Peña de Francia (foto) e l' eremo di San Telmo.

Il nome di Puerto de la Cruz viene spesso idealmente associato alle attrazioni come Lago Martiánez, il Loro Parque e il Giardino Botánico.

Il giardino botanico di Puerto de La Cruz venne realizzato nel 1788 per "acclimatare" le piante provenienti dalle colonie spagnole del Sud America al clima europeo in modo tale da permettere il loro successivo trasferimento nel continente.  Il suo primo nome infatti fu Jardín de Aclimatación de la Orotava; allo stato attuale il giardino botanico ospita circa 4.000 specie con piante tropicali e subtropicali inserite in uno splendido scenario.

Questo sito o gli strumenti terzi da esso utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all' uso dei cookie.